Calderara di Reno, una corsa spaiata

Senza Bobo (c’è la Roma allo stadio in anticipo quindi non può venire a correre).
In compenso arriva Gianni amico di Lorenzo. Una simpatia immediata.
image
Il gelo ovunque copre i campi e spacca i polmoni. Decidiamo di fare la 12. Ma al sesto li lascio andare via, mentre io alterno momenti di corsa ad altri al passo. Che fatica… riprendere forma.
image
image
image
image
image
image
Alla fine due bei pacchi di pasta e una lezione su come gli altri maschi italiani piegano le mutande.
image
[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/calderara_27_01_2013.gpx”]

3 risposte a “Calderara di Reno, una corsa spaiata”

  1. Poco sarcasmo sul senso di piegatura delle mutande perchè è su questi fondamentali che si poggia la quiete, la pace e la devozione familiare.
    Potremmo scrivere un saggio a due mani su quanto è saggio piegare le mutande in senso lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.